Top

CANTO BAROCCO | MARINA DE LISO

foto_de-liso
15, 16, 17 agosto 2018
15, 16 agosto ore 9:30-12:45 e 14:15-17:30
17 agosto ore 9:30-12:45

“O che felice incontro”

Programma: contrappunto e innovazione in Adriano Banchieri e nei suoi contemporanei, con attenzione particolare al madrigale e alle composizioni vocali della scuola emiliana e veneta tra fine Rinascimento e Primo barocco.

Canto Barocco | Marina De Liso
200 euro

50 euro quota di iscrizione

150 euro quota di frequenza

Corsisti minimo 4 – massimo 8

Frequenza gratuita al Laboratorio di Pratica Vocale

Scadenza Iscrizioni: 1 agosto 2018

foto_de-liso

Intraprende lo studio del canto giovanissima diplomandosi presso il Conservatorio di Musica “F. Venezze” di Rovigo ed in seguito frequenta la Scuola Musicale di Milano, dove si perfeziona in canto rinascimentale e barocco con Claudine Ansermet. Vincitrice nel 2001 del concorso “Toti Dal Monte” e nel 2002 del Concorso “As.li.co”. Tra i debutti di successo ricordiamo: il ruolo titolo di Orfeo ed Euridice di C. Gluck al Teatro Lirico di Cagliari; “Rosina” nel Barbiere di Siviglia di G. Rossini diretta da C. Spinosi al Capitole di Toulouse e Brest; “Tauride” nell’Arianna di G. F. Handel al Barbican di Londra diretta da Christopher Hogwood; “Didone” nella Didone di F. Cavalli al Teatro Alla Scala di Milano sotto la bacchetta di Fabio Biondi. Accanto al repertorio classico è particolarmente intensa la sua attività in campo barocco. Tra i ruoli handeliani spiccano ancora: “Arsace” nella Partenope a Ferrara e a Modena con Accademia Bizantina e Ottavio Dantone; “Rosimonda” nel Faramondo in tour in diverse capitali europee; “Cornelia” nel Giulio Cesare al Teatro Carlo Felice di Genova diretto Diego Fasolis. E’ stata inoltre “Speranza” ne L’Orfeo di C. Monteverdi con Emmanuelle Haïm al Théâtre du Châtelet di Parigi e a Strasburgo, “Asteria” nel Bajazet di A. Vivaldi in Giappone, alla La Fenice di Venezia e in tournée in varie città europee e ne La Senna Festeggiante diretta da Jordi Savall. Negli ultimi due anni si è avvicinata al belcanto affrontando ruoli quali “Cenerentola” di G. Rossini, “Dorabella” nel Così fan tutte di W. A. Mozart, “Giovanna Seymour” da Anna Bolena di G. Donizetti e “Adalgisa” nella Norma di V. Bellini, in teatri prestigiosi come il teatro Massimo di Palermo e l’opera Israeli di Tel Aviv. È stata docente di canto rinascimentale e barocco nell’anno scolastico 2016/17. Ora ha ripreso la sua attività solistica e si esibirà al Teatro Regio di Torino, alla Scala di Milano e nell’autunno 2018 sarà “Holoferne” nella Juditha triumphans di A. Vivaldi diretta da J. Savall.